Facciamo girare il mondo, risparmiando energia ogni giorno

Noi sappiamo come contrastare e persino arrestare il cambiamento climatico. Abbiamo le tecnologie e i prodotti necessari, e abbiamo a disposizione dati scientifici su cui agire. Sono ottimista e credo che, come esseri umani, possiamo fermare il cambiamento climatico. Di Morten Wierod, Presidente, ABB Motion

Ma sono anche realista: non sarà facile e servirà grande impegno in termini di ricerca, innovazione e investimenti mirati. Servirà collaborazione fra governi, aziende e mondo accademico, che dovranno lavorare insieme con un obiettivo comune, massima urgenza e determinazione.

Da dove dovremmo cominciare. C’è tanto che possiamo e dobbiamo fare per combattere il cambiamento climatico, come singoli, aziende, città e nazioni. Esistono iniziative che hanno un impatto immediato e forte, mentre altre producono effetti più ridotti o più a lungo termine. Dobbiamo anche valutare il costo umano delle iniziative che intraprendiamo. Non possiamo semplicemente fermare tutte le attività senza causare disagio diffuso.

La nostra attenzione dovrebbe essere concentrata sulle aree che hanno un impatto elevato nel breve e lungo termine e che hanno effetti negativi minimi sulla vita delle persone. Una di queste aree è l’efficienza energetica di industrie, città e infrastrutture. Con l’aumento della popolazione, dell’automazione, dell’urbanizzazione e dell’elettrificazione, il fabbisogno di energia continuerà a crescere.

Il modo più efficace per ridurre le emissioni di carbonio è usare meno energia. Non possiamo però spegnere tutto. Abbiamo bisogno di produrre cibo, di acqua corrente, di ventilazione, di treni per viaggiare e navi per trasportare merci, migliorando continuamente l’efficienza energetica. Con motori ad alta efficienza e azionamenti a velocità variabile possiamo ottenere esattamente questo.

Secondo alcuni studi indipendenti, se i sistemi motorizzati attuali fossero sostituiti con apparecchiature ottimizzate ad alta efficienza, i benefici ottenuti porterebbero a una riduzione del consumo mondiale di elettricità del 10%. A sua volta questo contribuirebbe per oltre il 40% al raggiungimento dell’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra fissato per il 2040 dall’Accordo di Parigi.

Il nostro whitepaper sul potenziale di efficientamento energetico di motori e azionamenti può essere scaricato qui:

Scarica il whitepaper

Credo che l’efficienza energetica nell’industria, più di qualsiasi altro fattore, possa dare il contributo maggiore alla lotta contro il cambiamento climatico. Si tratta essenzialmente di una soluzione invisibile al problema del clima. Con motori e azionamenti ad alta efficienza che alimentano la maggior parte dei processi critici che ci circondano, possiamo far girare il mondo, risparmiando energia ogni giorno.

Il nostro ruolo come ABB, insieme a tutte le aziende mondiali di tecnologie, è fornire sempre le tecnologie e i prodotti con il massimo livello di efficienza energetica e continuare a fare innovazione per svilupparne altri. Dovremmo inoltre informare tutti della disponibilità di queste tecnologie e innovazioni, in modo che possano adottarle. Ma, come ho detto all’inizio, non possiamo fare tutto da soli. Serve l’impegno, la collaborazione e l’iniziativa di diversi attori.

  • ‘Decisori pubblici, governi e regolatori devono incentivare la rapida adozione delle tecnologie più efficienti.
  • Imprese, città e nazioni devono essere consapevoli sia dei risparmi economici sia dei vantaggi ambientali, e devono essere pronte a fare investimenti.
  • Gli investitori devono riallocare capitali alle aziende più preparate ad affrontare il rischio climatico.

Gli esseri umani sono incredibili. Quando condividiamo un obiettivo importante, urgente e stimolante, possiamo ottenere praticamente qualsiasi risultato. Insieme possiamo progredire e sostenere il futuro dell’industria e dell’umanità. Stiamo facendo progressi, ma con il tuo aiuto potremo andare molto più lontano.

Morten Wierod Presidente, ABB Motion

Unisciti a noi ed entra nell’ Energy Efficiency Movement

Contattaci

Condividi questa storia